Osservazioni ed opposizioni alla Procedura di Valutazione Ambientale Strategica relativa al Piano Regolatore Portuale dei Porti di Messina e Tremestieri

VAS – D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. pubblicata sulla GURS n.44 del 03/11/2017
Cambiamo Messina dal Basso

La Comunità Europea, con la Direttiva sulla Valutazione Ambientale Strategica (VAS) e con i successivi atti fino alla Direttiva 2003/35/CE, ha voluto dar vita ad un modello decisionale
innovativo rispetto a quello su cui predominava il potere amministrativo.
In quest’ottica, si può affermare che i procedimenti sottoposti alla VAS si aprono degli spazi alla partecipazione diffusa dei cittadini. La VAS, quindi, dovrebbe inserirsi nella direttrice di fondo, secondo la quale la garanzia di democraticità delle decisioni riguardanti in particolar modo l’ambiente, dovrebbe attivarsi attraverso adeguate informazioni ed una concreta possibilità di partecipazione popolare.
Nel procedimento in esame, si osserva una rilevante distorsione del principio comunitario.
Nel caso specifico, il Piano Regolatore Portuale di Messina, come meglio sarà evidenziato in
prosieguo, è già nato con sostanziali imprecisioni ed omissioni, sia normative che tecniche e, per il lungo tempo trascorso dalla sua predisposizione (verosimilmente 2007) risulta anacronistico e difficilmente attuabile, per il diverso quadro normativo ed operativo su cui dovrebbe incidere.

ALLEGATI:

Osservazioni del Movimento Cambiamo Messina dal Basso

Osservazioni Legambiente Messina

VAS applicata al PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MESSINA parte 1 (Autorità Portuale)

VAS applicata al PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MESSINA parte 2 (Autorità Portuale)

Il Patto della Falce

art2-pattofalce finale

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *