Mancata adesione Comitato Parco Aldo Moro

Tre anni fa si sono aperti per la prima volta i cancelli del Parco Aldo Moro, lasciato all’incuria, ad opera degli attivisti del Pinelli e grazie a loro si sono accesi i riflettori sull’ennesima area scippata alla libera fruizione dei Messinesi.
Dopo di loro, nel silenzio ma con tenacia, hanno lavorato per dipanare la complessa e soffocante matassa dei rapporti burocratici ed interistituzionali l’ex Assessore Filippo Cucinotta, gli Assessori Sebastiano Pino, Daniele Ialacqua e Federico Alagna.
Durante questo percorso l’Unione inquilini ha di nuovo posto al centro tutta la delusione per questo spazio sottratto.
Da qui l’appello su facebook per l’adesione LIBERA alla costituzione del Comitato parco Aldo Moro in cui si parla di:
Sottrazione agli squali;
Progettualita’ CONDIVISA
Forme collettive di PARTECIPARZIONE.
È RICHIESTA L’ADESIONE DI CHIUNQUE ABBIA A CUORE IL FUTURO DI QUESTO LUOGO.
Con grandissimo rammarico abbiamo appreso che a queste belle parole non corrisponde un atteggiamento reale di apertura .
Aderendo mercoledi 15 us come tante e tanti PUBBLICAMENTE su facebook al Comitato Parco Aldo Moro, PRIVATAMENTE ci viene detto che Cambiamo Messina dal Basso non è gradito mentre altre sigle sono considerate benvenute( Pd, Capitale Messina,Megafono Rosa,Usb, Cub,Orsa Sinistra Italiana, Partito Comunista,Partito della Rifondazione Comunista, Fiom),quindi le sue portavoce e le attiviste e gli attivisti potrebbero aderire solo a titolo personale.
Occorre evidenziare che:
– Il Comitato si deve ancora costituire per “deliberare insieme” quindi chi decide???
– L’appello “social” dice che l’adesione è libera.
Non possiamo dunque tacere il comportamento di chi apre cancelli e ne mette altri chiusi a doppia mandata per impedire la realizzazione di ciò che “predica”.
Pregiudizi e rancore non sono politica, portati alle estreme conseguenze, ricordano un atteggiamento che annienta la DEMOCRAZIA.
Il Movimento Cambiamo Messina dal Basso è al fianco delle cittadine e dei cittadini per la tutela e il riconoscimento dei diritti nel segno della partecipazione e della condivisione, non può dunque tollerare che sotto l’egida del Bene Comune si nascondano malcelati interessi di parte
CMdB vigilera’ che il Parco Aldo Moro Bene Comune non sia oggetto di un altro e più grave scippo.

Cambiamo Messina dal Basso

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *