I LAVORATORI EX SERVIRAIL IN PRESIDIO PERMANENTE A PIAZZA CAIROLI

GLI ATTIVISTI DI CAMBIAMO MESSINA DAL BASSO INCONTRANO I LAVORATORI EX SERVIRAIL IN PRESIDIO PERMANENTE  A PIAZZA CAIROLI

Questa mattina alcuni attivisti del Movimento, insieme al gruppo consiliare CMdB, hanno fatto visita ai lavoratori ex Servirail in presidio permanente a Piazza Cairoli e hanno manifestato loro piena solidarietà.

Fra le tante vertenze che agitano il mondo del lavoro messinese, quella Servirail è fra le più incomprensibili e irrazionali  Si tratta di 25 persone che dopo un anno di proteste in tutta Italia hanno ottenuto come risultato un accordo sindacale stipulato con l’allora Direttore delle Risorse Umane di FS che prevedeva la loro ricollocazione all’interno di una delle società del Gruppo FS.

Questi lavoratori erano infatti stati impiegati nell’indotto degli appalti FS, ma dopo poco tempo  sono stati licenziati e posti in mobilità, senza che venisse loro offerta alcuna altra opportunità di lavoro all’interno del gruppo.

Non si capisce perciò come mai – anche alla luce delle carenze di organico e della necessità di rimediare ai troppi disservizi segnalati dai passeggeri- per questi 25 lavoratori non ci sia più posto nelle società del gruppo. Tanto più, affermano  anche  le Organizzazioni Sindacali, che le stesse aziende hanno già assorbito manodopera proveniente da altri settori in crisi.

Dal 7 gennaio 2016  “i 25” sono ridiventati EX ed essendo per alcuni di loro già terminata l’indennità di mobilità sono a tutti gli effetti EX LAVORATORI.

Per questo CMDB sostiene le richieste degli ex Servirail e si impegna a portarle all’attenzione di tutte le istituzioni preposte a farsene carico .

Video
https://www.facebook.com/alessandro.strazzeri.5/videos/1355565217851675/

 

 

Il Movimento Cambiamo Messina dal Basso

 

Cambiamo Messina dal Basso     

via Mario Giurba n° 15 – 98123, Messina     

e-mail: cambiamomessinadalbasso@gmail.com
sito ufficiale: cambiamomessinadalbasso.it
facebook: 
https://www.facebook.com/cmdbofficial/ 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *