L’arte messa da parte

La stampa ha ignorato la notizia. Allora occorre che qualcuno la racconti.

Lunedì il Consiglio Comunale ha bocciato la proposta di Delibera di Regolamento per la Galleria d’arte moderna e contemporanea ospitata al Palacultura. Una bocciatura strana, con un solo contrario, 11 favorevoli e 17 astenuti. Il dibattito era durato a lungo, tra sedute di commissione e di consiglio. Un regolamento con tutti i crismi, utile a rendere fruibile il patrimonio artistico ospitato nella Galleria. Eppure, diversi erano stati gli interventi critici, orientati principalmente contro la possibilità prevista dal Regolamento di indire, nel caso in cui ci fossero le condizioni di disponibilità finanziaria, un concorso pubblico per la nomina di un Direttore artistico. Persino il Presidente della Commissione Cultura, Adamo, aveva appoggiato questa critica e presentato un emendamento che cassasse gli articoli riferiti alla nomina tramite bando pubblico del Direttore. Alcuni consiglieri avevano ripetutamente fatto notare che era già presente nel Regolamento la condizione della disponibilità finanziaria e che non aveva senso eliminare la previsione di questa possibilità; avevano sottolineato che, pur preferendo in linea di principio la valorizzazione di risorse interne, erano persuasi che per un ruolo così peculiare, connesso a competenze specifiche, andava lasciata la possibilità di fare un bando rivolto all’esterno, nel caso in cui nessuno dei dipendenti interni possedesse certi requisiti.
Nonostante l’assessore Perna abbia risposto a tutte le perplessità avanzate in Consiglio, il Regolamento ha subito una bocciatura fatta quasi esclusivamente di astensioni.

In questi casi si potrebbe fare così: pubblicare sui giornali la bozza di Regolamento, chiedere a ciascun consigliere (soprattutto a quelli che non hanno fatto alcuna dichiarazione di voto) i motivi del loro sì, del loro no o della loro astensione, e aprire un dibattito pubblico sul perché ad oggi non abbiamo (e non avremo più, in tempi brevi) uno strumento che regolamenti la fruizione di un patrimonio artistico. Solo così gli elettori potrebbero esercitare quel controllo che consente di evitare boicottaggi, bocciature strumentali, meschini dispetti.

Ivana Risitano
Consigliera Comunale di Cambiamo Messina dal basso – Renato Accorinti Sindaco

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *