Sulle dimissioni di Dario Zaccone dalla carica di Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Messina

Apprendiamo dalla stampa delle dimissioni di Dario Zaccone dalla carica di Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Messina e del documento con cui lo stesso ha formalizzato la decisione assunta “a seguito di approfondite valutazioni personali e professionali”che gli impedirebbero di continuare a svolgere il suo ruolo “con serenità e nel rispetto dei principi”a cui si è sempre ispirato.
A tal riguardo siamo costretti a rilevare con disappunto che tale decisione è presa a neanche un anno di distanza dal rinnovo del Collegio, in occasione del quale il Movimento CMdB e la consigliera Ivana Risitano si erano pronunciati pubblicamente contro la riconferma dei Revisori coinvolti nel “periodo oscuro” dei bilanci comunali dell’era Buzzanca.
Allora però l’appello rivolto al Consiglio Comunale perché adottasse nuovi criteri di scelta e provvedesse ad un totale rinnovamento dell’organo preposto a garanzia dei conti del Comune cadde nel vuoto.
La tardiva presa d’atto dell’inopportunità di quella scelta avviene ora per bocca di uno dei diretti interessati, con la differenza che oggi ciò contribuisce a rendere ancora più critica la già (troppo) lunga assenza del bilancio 2015.
Auspichiamo, infine, ancora una volta, che chiunque subentrerà al dimissionario Zaccone sia slegato dal sistema dei partiti e dei gruppi politici in modo da saper interpretare in modo “tecnico”, e non “politico”, il proprio ruolo.

Cambiamo Messina dal Basso

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *