Nemo propheta in patria – Solidarietà al sindaco Collica

Cambiamo Messina dal Basso manifesta la propria profonda solidarietà alla compagna di lotte e sindaco di Barcellona P.G.,Maria Teresa Collica, in occasione della presentazione all’ufficio di presidenza, della mozione di sfiducia firmata da 12 consiglieri comunali, area UDC, “Centro Destra per Barcellona”, “Nuova Alleanza”, guidati dal presidente del civico consenso, Angelo Paride Pino. Leggendo la mozione si evincono con rammarico le inossidabili, artificiose e deleterie regole di costume e dinamiche proprie della “vecchia politica”, di quella attaccata più alle spartizioni di ruoli e aree di potere, anziché il perseguimento del bene comune.
Non si tratta di ammettere la critica e il rapporto dialettico con l’amministrazione Collica, ma di comprendere l’autentico senso di questo colpo basso a chi era ed è espressione democratica e istituzionale di un’istanza di cambiamento proveniente dai cittadini. E il senso lo leggiamo nella mozione, dove si cita continuamente l’inesperienza come peccato originale e si lamenta la mancanza di alleanze o d’inserimento di figure di altre aree politiche nella giunta, come fattore di destabilizzazione del governo: riteniamo che sia la pratica della politica, che è buona solo quando animata da trasparenza e valori imprescindibili, a fornirci l’esperienza necessaria per amministrare e che non si possa più ragionare con i sistemi delle alleanze o dei meri calcoli elettorali, bensì che ogni argomento, ogni settore di competenza, deve essere oggetto di sani confronti e impregnato del contributo di tutti.
Per questo è stata eletta Maria Teresa Collica e per questo il suo lavoro tenace, a lunga durata, produrrà davvero quel cambiamento tanto desiderato. 
Ricordiamo che soltanto nel dicembre 2014, abbiamo espresso solidarietà al sindaco Collica per via degli atti intimidatori subiti, segnale della sua non trascurabile azione politica di incisione in quel tessuto marcio di società che preferisce ricorre al vile linguaggio della violenza più che al confronto.
Oggi, ci troviamo di nuovo al suo fianco, ben sapendo che quello che si discuterà nei prossimi giorni con questa mozione, non è l’efficienza della sua giunta e delle sue scelte amministrative, ma un modello, quello della partecipazione, del cambiamento, della discontinuità col passato, della politica aperta a ogni cittadina e cittadino e che si fa con la contaminazione dei talenti, degli impegni, delle idee, dei contributi tutti.

Forza Maria Teresa!

Print Friendly

Un commento

  • Dovreste venire a Barcellona, viverci, prima di scrivere articoli del genere…l’aver subito atti intimidatori(?) tipo il taglio delle gomme dell’auto non esime il sindaco dal governare una città fatta, anche e soprattutto, da cittadini normali, ad oggi abbandonati a loro stessi. Anche tra i più infervorati sostenitori della Collica è possibile trovare insoddisfatti, delusi, pronti a NON rivotarla più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *