Glossario LGBT

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Rifiuto del modello binario dicotomico dei generi e sostegno sulle teorie di fluidità rispetto alle definizioni di genere.
Sin dall’infanzia l’utilizzo nella vita comune di stereotipi di genere ci spinge ad adeguarci a schemi di comportamento associati al nostro genere percepito.

Termine che indica la mancanza di attrazione nei confronti di qualunque genere sessuale.

orientamento sessuale per il quale una persona è attratta sentimentalmente e/o fisicamente da persone di entrambi i sessi.

Termine che indica una persona in cui il genere e il sesso alla nascita corrispondono esattamente.

Il percorso di una persona che prende coscienza di essere gay, lesbica o bisessuale e sceglie di comunicarlo apertamente agli altri. Il coming out può essere totale o parziale.

Abbreviazione di “disturbo dell’identità di genere” o “variazione di genere” indica quelle persone che presentano una forte e persistente identificazione nel sesso opposto a quello biologico cioè quello assegnato anagraficamente alla nascita. È indipendente dall’orientamento sessuale e non va confuso con esso.

indossare vestiti associabili al sesso opposto con finalità di intrattenimento.

Uomo che si veste da donna accentuandone le caratteristiche con finalità ludiche e/o artistiche

Donna che si veste da uomo accentuandone le caratteristiche con finalità ludiche e/o artistiche

L’idea che tutte le persone siano eterosessuali e che l’eterosessualità sia la normalità. È la causa principale dell’omotransbifobia e stigmatizza ogni forma di comportamento, identità e relazione non eterosessuale.

Termine usato per indicare una persona attratta sentimentalmente e/o fisicamente da persone del genere opposto al proprio .

Termine che indica un nucleo sociale rappresentato da due o più individui che vivono nella stessa abitazione e, di norma, sono legati tra loro col vincolo affettivo emotivi Una famiglia davvero amorevole non si compone necessariamente di una mamma femmina e di un papà maschio.

Transessuale da femmina a maschio

Persona attratta fisicamente e/o sentimentalmente da qualcuno dello stesso genere; nei Paesi di lingua anglosassone viene usato anche per indicare le donne attratte da altre donne.

termine inglese che indica una persona che, attraverso suoi comportamenti, rifiuta, talvolta anche inconsapevolmente, il ruolo di genere culturalmente attribuitogli.

Termine alternativo per una persona trans che rifiuta il modello binario dei generi assunto dalla società.

Descrive la dimensione soggettiva del proprio essere sessuali. L’identità sessuale un costrutto multidimensionale costituito da cinque distinte componenti: Sesso biologico, Identità di genere, Ruolo di genere, Identità di ruolo, Orientamento sessuale

Termine che indica la condizione di chi per cause genetiche nasce con i genitali e/o altri caratteri sessuali non definibili unicamente come femminili o maschili.

Termine usato per indicare una donna attratta sentimentalmente e/o fisicamente da altre donne.

Sigla di origine anglosassone utilizzato per indicare la comunità Lesbica, Gay, Bisessuale, Transgender. A volte si declina anche come LGBTQIA per dare sostegno di altre componenti della comunità: T Transessuali e Transgender, Q Queer, I Intersessuali, A asessuali.

Termine che indica la convinzione che si possa essere esclusivamente maschi o femmine.

Transessuale da uomo a donna

Paura irrazionale, odio, intolleranza o pregiudizio nei confronti delle persone omosessuali. Può portare ad atti di abuso verbale, emozionale, fisico e sessuale contro le persone omosessuali. Il 17 maggio è stato scelto come giornata mondiale contro l’omofobia, in ricordo del 17 maggio 1990 quando l’organizzazione mondiale della sanità eliminò l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

Termine scelto per indicare che non sempre gli atti discriminatori e la violenza non sempre sono irrazionali e frutto della paura ma l’espressione di una negativa concezione dell’omosessualità che trova le radici in una cultura e una società eterosessista.

Termine usato per indicare un uomo attratto sentimentalmente e/o fisicamente attratto da altri uomini.

è l’attrazione sentimentale e/o fisica per i membri del sesso opposto, dello stesso sesso o entrambi.

Rivelare contro il suo volere che qualcuno è LGB o T. senza il suo consenso.

Termine inglese (strano/insolito/eccentrico ) è stato anche usato in modo dispregiativo, ragione per cui non tutte le persone sono a proprio agio con esso. Molte lo usano invece in senso positivo. Da un punto di vista culturale il termine Queer indica una teoria che afferma che l’orientamento sessuale e l’identità di genere sono in realtà il risultato di una costruzione sociale. Non è, quindi, da considerarsi un’identità, ma una critica  definizioni rigidamente fissate mira a decostruire qualsiasi categoria riguardo orientamento e genere.

Arcobaleno Simbolo del Pride, spesso sottoforma di bandiera, che viene definita “bandiera della libertà”. La bandiera arcobaleno, progettata nel 1978 da Gilbert Baker è simile alla bandiera della pace. I sei colori della bandiera rainbow, rigorosamente nell’ordine, significano: Rosso, la vita; Arancione, la cura; Giallo, la luce del sole; Verde, la natura; Blu, l’armonia; Viola, lo Sprito.

Intervento medico chirurgico per il cambiamento fisico del sesso, compresi i genitali.

spesso usato senza differenza come diminutivo di Transessuale o Transgender o quando si parla al plurale per comprendere entrambi i termini.

Termine usato per indicare chi sente in modo persistente di appartenere al sesso opposto a quello della nascita e che si sta sottoponendo o si è sottoposto a un intervento chirurgico di riassegnazione di genere. È inoltre più corretto utilizzare la forma “le persone transessuali“, non “i Trans”) e declinare le espressioni linguistiche nel genere in cui il soggetto si identifica. (vedi FtM/MtF).

Termine usato per indicare tutte le persone che non si riconoscono nei modelli attuali di identità e ruoli di genere.
Essere transgenere è indipendente dall’orientamento sessuale: le persone transgender possono identificarsi come eterosessuali, omosessuali, bisessuali, asessuali o possono rifiutarsi di etichettare il loro orientamento sessuale.

Paura irrazionale, odio, intolleranza o pregiudizio nei confronti delle persone transessuali e transgender . Si può manifestare in abuso verbale, emozionale, fisico e sessuale. Il 20 novembre si celebra, a livello internazionale, il T-DOR (Transgender Day of Remembrance) per commemorare le vittime della transfobia.

chi indossa abiti associabili al sesso opposto a quello con cui è nato. Può essere una cosa pubblica o privata, occasionale o a tempo pieno.

Termine che serve ad indicare il risultato di un percorso di autoaccettazione individuale e che permette ad una persona di vivere la propria identità alla luce del sole